In Croazia o in Romania per la dentiera

Costi inferiori, ma con quali garanzie?

STRUMENTI

RICHIEDI UN PREVENTIVO DENTISTA ITALIANO | PREZZI DENTISTA CROAZIA – Dentista

Clicca qui per un PREVENTIVO GRATUITO

«Chiama per farti dare i numeri di chi è già stato nostro cliente… Pensiamo a tutto noi: alberghi, ristoranti… Sarai seguito da un’équipe di medici che si sono specializzati in Germania e Italia. Contattaci, in 24 ore organizziamo le tue vacanze-cura in Romania». Non è l’offerta per un viaggio turistico, ma la pubblicità di uno studio odontoiatrico di Bucarest che, con un annuncio abbinato ad una compagnia aerea charter, cerca di reclutare clienti al di qua delle Alpi. E ci riuscirà, grazie ad un argomento di sicura presa. I prezzi scontati. Anzi, scontatissimi.
Protesi, impianti o altro a meno della metà rispetto agli studi di casa nostra. Poche centinaia di euro e in più il diversivo di una vacanza, trattamento incluso. Fenomeno più diffuso di quanto si creda quello del «turismo dentale». Odontoiatri dalle credenziali tutte da verificare che operano in Croazia, Slovenia, Slovacchia, Bulgaria, Romania, Grecia hanno trovato un nuovo business penetrando nel mercato italiano. E per chi ha voglia di spendere di più in cambio di luoghi indimenticabili c’è anche l’India, dove un’otturazione costa quanto da noi l’affitto di lettino e ombrellone. Basta consultare Internet per rendersi conto di quante siano le proposte all inclusive.
I numeri della mobilità odontoiatrica non sono definibili. Ma è certo che in tanti ormai si muovono per le cure low cost da Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Emilia Romagna. Quasi inesistente, invece, l’esodo dal Centro sud ;forse perché i costi di viaggio per raggiungere i Paesi dell’Est sono più onerosi, o perché la propaganda degli studi stranieri è meno insistente. Ma le conseguenze delle cure al risparmio si pagano dopo pochi mesi. Dentiere che si scollano, granulomi, infezioni, emorragie. Non sempre è così, ma succede spesso. «Possiamo immaginare le condizioni in cui lavorano fuori confine – afferma Gianantonio Favero, Università di Padova – perché constatiamo i risultati sui pazienti che ci chiedono di riparare i danni di quegli interventi. Vengono visitati da operatori senza titolo, che utilizzano materiale scadente. È così che un programma terapeutico viene a costare magari sui 3mila euro, anziché i 10mila che costerebbe da noi». Un caso recente: una signora alla quale avevano fatto in Croazia una protesi fissa di porcellana con lega non preziosa, priva di certificazione; non le avevano devitalizzato i denti sottostanti e ha sviluppato dei granulomi. Ora deve ricominciare tutto daccapo. A partire sono in genere persone con bassa istruzione.
In Friuli il flusso turistico-dentale è particolarmente sostenuto. «L’odontoiatria italiana è di ottima qualità e la qualità costa – dice Nick Sandro Miranda, segretario sindacale dell’Associazione nazionale dentisti in questa regione – . Più di una volta nell’ambulatorio pubblico di Tarvisio mi sono trovato ad intervenire per emorragie seguenti ad estrazioni fatte all’estero. Ricordo, per esempio, il caso di una signora alla quale, in uno studio sloveno, avevano tolto un dente senza accertare preventivamente quali farmaci prendesse. Il consiglio è quello di diffidare delle cure a buon mercato e di ricordarsi che il rapporto fiduciario e continuo tra medico e paziente è fondamentale per avviare un programma terapeutico». Carlo Guastamacchia, dentista milanese, premette di non avere nulla a priori contro queste iniziative, «tranne per un particolare: sappiamo purtroppo che in quei Paesi non esistono spesso condizioni igieniche sufficienti. Inoltre, le strumentazioni utilizzate sono il più delle volte obsolete. Prima di accettare le proposte del turismo odontoiatrico, occorre ricordarsi che intraprendere una cura non è come comprare un pacco di zucchero: è importante che il paziente abbia la garanzia di essere seguito nei mesi successivi».
Margherita De Bac

Dentista

Clicca qui per un PREVENTIVO GRATUITO

In Croazia o in Romania per la dentieraultima modifica: 2009-07-16T05:36:00+02:00da dentista-parma
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “In Croazia o in Romania per la dentiera

Lascia un commento